VOLARE LAVORANDO CON FERRI E UNCINETTI – parte 3

Prevediamo di viaggiare in aereo tra poco (o tra molto) e vogliamo lavorare ai ferri o all’ uncinetto durante il volo? Sì può o non si può?
NORME E BUONA EDUCAZIONE A BORDO

Abbiamo passato i controlli di sicurezza e abbiamo la prospettiva di qualche ora di lavoro indisturbato. Benissimo! Ricordiamoci che:


– il personale di bordo è responsabile del nostro benessere ma soprattutto della nostra e della altrui sicurezza durante il volo e in caso (dita incrociate perché non succeda!) di incidente, ha quindi il diritto di chiederci di non lavorare e riporre tutto se giudica sia necessario: evitiamo discussioni o, peggio, litigate inutili insistendo che “la legge dice che si può”;

– portiamo con noi progetti di piccole dimensioni e non eccessivamente complicati, che non implichino grandi manovre di attrezzi, fili, o troppe imprecazioni da parte nostra se qualcosa va storto: i nostri vicini di seduta hanno diritto ad un viaggio tranquillo e senza rischi di aghi negli occhi;

– prediligiamo l’ uso di ferri circolari, in modo da non disturbare i nostri vicini con possibili cadute accidentali di ferri (anche rumore di) e conseguenti ricerche sul pavimento (“si sposti, alzi il piede, si allunga a prenderlo per favore?”)

 

L' avvio del mio sacco nanna sull' aereo per Cologna, direzione H&H Colonia
L’ avvio del mio sacco nanna sull’ aereo per Cologna, direzione H&H Colonia

– se proprio non siamo riusciti ad imbarcare i nostri ferri, ricordiamo che due matite appuntite o due pennelli da pittore in un astuccio e un gomitolo sostituiscono abbastanza bene i nostri attrezzi in caso di “bisogno di lavorare” e ci permettono, se non di portare avanti un progetto, quanto meno di sferruzzare il campione di un punto o provare una tecnica, o altro che ci verrà sicuramente in mente 🙂

Queste che vi abbiamo dato sono indicazioni di massima, non invitano a fare qualcosa di vietato per legge (le normative e le linee guida sono ufficiali), ma prendete tutto con buon senso e verificate sempre personalmente e il più possibile in prossimità del vostro viaggio che cosa è permesso e che cosa no.

Quanto detto sopra vale ovviamente per il bagaglio a mano: potete invece imbarcare ferri e lavori avviati nella stiva e continuare a lavorare al vostro arrivo.

È ora di fare i bagagli:
http://difilato.com/products/ferri-per-tipologia/intercambiabili

Buon viaggio! 🙂

About Cinzia

4 thoughts on “VOLARE LAVORANDO CON FERRI E UNCINETTI – parte 1

  1. Monica Filoni

    In aereo per quanto mi riguarda non si possono usare i ferri in metallo, Chiagoo o Hyja Hiya per esempio bensì in legno. Domenica vado alla H&H a Colonia e vedo se trovo dei ferri in ebano. Li ho visti su internet ma da un pò di tempo non li vedo più su google. Speriamo rieascano a sopravvivere tra le mie mani che sopportano solo quelli forti di acciaio, che non si piegano per niente. Vedremo.

    1. Cinzia

      Ciao Monica,

      Ho recentemente volato con Easyjet in Scozia, verso l’ Edimburgh Yarn Festival 2017, e ho lavorato sia all’andata che al ritorno con i circolari fissi Hiya Hiya, nel bagaglio a mano avevo ferri di ricambio fissi e intercambiabili, uncinetti, spille di sicurezza mini, il set per pompom in plastica e un taglia filo: nessun problema in entrambi gli aeroporti!

      Grazie

  2. silvia

    possiamo quindi parlare di KNITiquette?

    1. Cinzia per Difilato

      Buona questa 🙂


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *