Maglione piccolo taglia sbagliata
È il modo in cui gli abiti “vestono”: attillati, giusti, o larghi. Ed è uno dei motivi per cui un vestito, ma anche un capo che hai lavorato tu a maglia o uncinetto, ti “cade” bene oppure no.

***

Ti è mai capitato di provare due vestiti apparentemente identici (stessa misura, stessa forma, stesso taglio, magari tessuti molto simili) e di notare che ti vestivano in modo diverso? Che con uno dei due ti sentivi più a tuo agio?

Ecco, è proprio lui il responsabile: l’agio. L’hai già incontrato e valutato in molti capi, ma lo chiamavi “comodità” o “vestibilità“.

L’agio in un capo di abbigliamento è la differenza tra le dimensioni del tuo corpo e quelle dei vestiti che indossi.

E’ il modo in cui gli abiti “vestono”: attillati, giusti, o larghi. Ed è uno dei motivi per cui un vestito, ma anche un capo che hai lavorato tu a maglia o uncinetto, ti “cade” bene oppure no. Quindi, è uno degli elementi che devi imparare a valutare quando scegli la taglia del tuo progetto.

In caso di vestiti molto aderenti o attillati, ossia che evidenziano molto le forme del corpo, si parla di vestibilità in negativo (o agio negativo): significa che il capo ha dimensioni minori del corpo che deve vestire e il tessuto che lo costituisce si tira, in particolare se si tratta di un tessuto in maglia.

Una vestibilità giusta, con il capo che segue le forme del corpo, viene ottenuta dando al vestito le stesse misure del corpo che vestirà, con una aggiunta piccolissima.

Se il vestito ha dimensioni maggiori del corpo che lo indossa, allora “veste largo“, ma se le dimensioni del capo sono molto più grandi del corpo che le indosserà, fino ad arrivare ad essere quasi una misura in più, lo si definisce “oversize” (fuori taglia, appunto).

A quanti centimetri di differenza corrispondono le diverse vestibilità dei capi? E’ un parametro codificato, per comodità te lo riassumo in questa tabella:

Difilato tabella differenze vestibilità
Vestibilità: differenza in cm tra misure del corpo e vestibilità dei capi – fonte: Craft Yarn Council
Quindi non basta scegliere la taglia giusta e avere il campione corrispondente a quello del modello per ottenere un progetto che mi veste perfettamente?

Ni: Come dicevamo, la taglia giusta è uno degli elementi da valutare.

Poi devi capire qual è la forma che più ti piace indossare e come ti piace indossarla (attillata? comoda? oversize?). Una volta fatte le tue scelte, passa a valutare qual è la vestibilità che lo stilista ha scelto per quel capo: è molto probabile che un golfino primaverile sarà pensato per “stare giusto” e abbastanza vicino alle misure reali del corpo; una maglietta estiva invece, per dare più ariosità, sarà leggermente più larga. Un maglioncino invernale o da mezza stagione potrà avere agio negativo e vestire attillato, per avere un’ estetica più elegante, o largamente positivo, per dare una maggiore sensazione di calore e di “coccola”.

Ma tutte le volte che lavoro un capo a maglia devo farmi mille calcoli per farlo risultare attillato o oversize come piace a me?

 

Beh, sì, se inventi tu il modello (è la parte divertente, ma a volte rischiosa, del fai da te: scegli il filato, immagina il modello, campiona i punti, prova, riprova, fai i calcoli delle maglie da avviare, delle calature, delle trecce che stringono, misura, aggiungi l’agio, togli l’agio, speriamo in bene).

Oppure leggi bene il modello e le sue indicazioni generali: potrebbe chiederti di scegliere una taglia in base alle tue misure precise e indicarti che nei conteggi finali di maglie e centimetri è già compreso l’agio ideale per quel progetto; così come potrebbe dirti di scegliere partendo dalle tue misure reali e suggerendoti poi di scegliere la taglia in base alla vestibilità che vorrai ottenere.

Un metodo sicuro per ottenere un capo che amerai, è prendere dal tuo armadio un vestito che indossi con piacere, guardarne bene la forma (è sagomato in vita, si apre sulle spalle, ha le maniche tagliate dritte o a raglan, le spalle sono giuste sull’estremo della clavicola o sono scese… ?) e poi misurarlo accuratamente: nei modelli che sceglierai di lavorare, avvicinati sempre il più possibile a quella forma e a quelle misure, e la soddisfazione sarà garantita!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.